Decreto liquidità: modifiche ai termini di versamento dell’imposta di bollo

Decreto liquidità: modifiche ai termini di versamento dell’imposta di bollo

Con l’approvazione del D.L. n. 23/2020, anche conosciuto come “Decreto Liquidità”, sono stati modificati i termini per il versamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche.

Per l’anno 2020 il versamento dell’imposta di bollo, a seguito del decreto appena pubblicato, avrà le seguenti scadenze:

  1. I° trimestre 2020 versamento entro il 20/04/2020 se l’importo da versare è superiore a euro 250.
  2. I° trimestre 2020 e II° trimestre 2020 entro il 20/07/2020 se l’importo complessivo dei due trimestri supera i 250 euro.
  3. Se l’importo dell’imposta di bollo dei primi due trimestri è inferiore ad euro 250 si potrà versare entro il 20/10/2020 insieme a quanto dovuto per il III° trimestre 2020.

L’imposta di bollo relativa alle fatture emesse nel IV° trimestre 2020 dovrà essere versata entro il 20 gennaio 2021.

Occorre applicare la marca da bollo sulle fatture con importo superiore ad euro 77,47 e che siano:

  • fuori campo IVA, per mancanza del requisito oggettivo o soggettivo (artt. 2, 3, 4 e 5, P.R. n. 633/1972);
  • fuori campo IVA ex artt. da 7-bis a 7-septies, P.R. n. 633/1972, per mancanza del requisito territoriale;
  • non imponibili per cessioni ad esportatori abituali che emettono la dichiarazione d’intento (art. 8, comma 1, lett. c), P.R. n. 633/1972);
  • non imponibili, in quanto operazioni assimilate alle cessioni all’esportazione (art. 8-bis, P.R. n. 633/1972);
  • non imponibili per servizi internazionali o connessi agli scambi internazionali (art. 9, P.R. n. 633/1972);
  • esenti (art. 10, P.R. n. 633/1972);
  • escluse (art. 15, P.R. n. 633/1972);
  • emesse dai contribuenti in regime dei minimi e forfettario (sempre che abbiano optato per emissione di fattura elettronica).
Rappresentazione in bilancio dei fatti rilevanti successivi alla chiusura dell'esercizio nel caso del Covid La circolare dell'AdE contenente le risposte ai quesiti relativi al decreto Cura Italia
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *