UN ARTICOLO DI MARCO D’ISANTO SUL DECRETO CORRETTIVO ALLA RIFORMA DEL TERZO SETTORE

Il cammino che conduce verso la nuova frontiera del Terzo Settore è ancora irto di ostacoli. Il decreto correttivo poteva essere l’occasione per rimuoverne almeno qualcuno. Non è accaduto.

A questo punto non resta che sperare che l’entrata in vigore della Riforma, in particolare nella parte relativa all’istituzione del Registro Unico,  avvenga in tempi rapidi in modo da eliminare almeno le numerose incertezze del periodo transitorio.

Sorgente: DECRETO CORRETTIVO ALLA RIFORMA DEL TERZO SETTORE: POCHE INNOVAZIONI

Accordo da 300 milioni di € per le Pmi italiane del settore culturale e creativo
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *