Schede carburante, qualche novità

Schede carburante, qualche novità

Dal prossimo 1 luglio 2018 entreranno in vigore alcune novità per l’acquisto e la detraibilità del carburante.

Fino al prossimo 30 giugno 2018 nulla cambierà per i titolari di partita IVA e pertanto la deduzione del costo e la detraibilità dell’IVA sull’acquisto del carburante, potrà essere documentata, a prescindere dal mezzo di pagamento, mediante la compilazione della scheda carburante o in alternativa e solo per acquisti eseguiti con mezzi elettronici tracciabili (carte di credito e de debito, prepagate tracciabili, bancomat) mediante i giustificativi di pagamento.

La legge di Bilancio 2018 ha invece previsto che dal 1° luglio 2018 la deducibilità del costo e la detrazione dell’IVA sull’acquisto del carburante, possa avvenire solo qualora il pagamento avvenga esclusivamente con l’utilizzo di mezzi elettronici tracciabili (carte di credito, carte di debito o carte prepagate emesse da operatori finanziari soggetti all’obbligo di comunicazione previsto dall’articolo 7 comma 6 del D.P.R. 605/1973). I titolari di partita IVA, quindi, dovranno conservare tutte le ricevute di acquisto e abbinarle ai movimenti dei pagamenti, per certificare la spesa sostenuta.

Tutto questo però non sarà ancora sufficiente: l’acquisto di carburante dovrà essere documentato da fattura elettronica.

Dichiarazione IVA 2018 Codice del terzo settore: le prime indicazioni del Ministero del Lavoro su questioni di diritto transitorio
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *