Intrastat, alcune novità

A partire dall’inizio del prossimo anno (salvo ulteriori rinvii), il provvedimento, prevede:

  • per gli acquisti intra UE:
    • abolizione dei modelli Intrastat trimestrali relativi agli acquisti di beni e servizi;
    • attribuzione di una valenza solo ai fini statistici per i modelli Intrastat mensili relativi agli acquisti di beni e servizi;
    • modifica della soglia al di sopra della quale devono essere presentati gli elenchi riepilogativi mensili relativi agli acquisti intracomunitari (a soli fini statistici), da € 50.000 ad € 200.000 per gli acquisti di beni e da € 50.000 ad € 100.000 per gli acquisti di servizi.
  • dal lato delle vendite intra UE:
    • per le cessioni di beni e servizi, la periodicità mensile o trimestrale resta legata alla soglia di € 50.000;
    • per tali operazioni, la compilazione dei dati a fini statistici è obbligatoria solo per i soggetti che superano € 100.000 su base trimestrale.

Il provvedimento precisa che la verifica in ordine al superamento della soglia sia effettuata per ogni categoria di operazioni. Le soglie operano cioè in maniera indipendente e il superamento della soglia per una singola categoria non incide sulla periodicità relativa alle altre tre categorie di operazioni (esempio: se nel corso di un trimestre un soggetto passivo ha realizzato acquisti intracomunitari di beni pari ad € 250.000 e nel medesimo periodo, ha ricevuto servizi intracomunitari per € 20.000, sarà tenuto a presentare mensilmente l’elenco riepilogativo dei soli acquisti intracomunitari di beni e non quello dei servizi intracomunitari ricevuti).
Per tutto l’anno 2017 rimangono in vigore gli obblighi comunicativi previsti, in ambito intracomunitario, per la generalità degli acquisti e delle cessioni di beni che per le prestazioni di servizi rese e ricevute.
Infine si ha un’ulteriore soluzione in merito al “codice servizio (CPA)” presente nei modelli Intrastat relativi agli acquisti di servizi intracomunitari con il passaggio da 6 a 5 cifre con una riduzione del 50% dei codici tra cui selezionare.

I criteri di risarcimento del danno non patrimoniale: le più recenti indicazioni della Corte di Cassazione Estensione applicazione split payment dal 1° luglio 2017
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *