L’impresa culturale italiana: genio e regolatezza 

L’impresa culturale italiana: genio e regolatezza 

Gli economisti ci insegnano che il gioco di chi fa della conoscenza la propria materia prima (sia perché se ne avvale, sia perché la produce) è un gioco a specchio, e nello specchio del diritto – capiamo ascoltando i giuristi – si possono utilmente riflettere le identità imprenditoriali degli operatori culturali, a tutto vantaggio di una differenziazione regolativa che porti non a rimirarsi, in attesa di un premio di bellezza (bonus economico), ma a riconoscersi e a porsi in una proattiva condizione di «coopetition» (cooperation/competition).

Certo, un gioco del genere è complesso, e anche i giochi hanno le proprie regole – e teorie. Ma possono rimanere tali, ossia un bel gioco collettivo, oltre a una seria sfida imprenditoriale, e una buona disciplina delle attività creative deve saper garantire, in ogni fase dello sviluppo di un’impresa innovativa, l’appagamento intellettuale, strategico e produttivo dei propri autori (e giocatori).

Sorgente: L’impresa culturale italiana: genio e regolatezza | Doppiozero

Tutto quello che c'è da sapere sulla cedolare secca e Airbnb  Porte aperte alle donne, ma non solo nei cda 
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *