Quando la mobilità del lavoro fa la differenza