Nell’era digitale i lettori in Italia sono l’83%: possibile che siano clienti e lettori di libri “persi”?