Nella cultura? Tanti generali e nessun soldato