“In amicorum numero”: Stato, cultura e paghette 

“In amicorum numero”: Stato, cultura e paghette 

Lo strumento del voucher culturale è una misura tutt’altro che sbagliata, ma richiede una elaborazione di politica culturale di più ampio respiro, con un orizzonte diverso e una applicazione che risponde ad altre logiche sottostanti. Quello che serve non è una mancia per stimolare un po’ di consumi culturali, ma occorrono degli incentivi affinché cambino le modalità di gestione delle imprese culturali e la loro offerta. La scelta dei voucher è corretta se sposta tutto o parte del finanziamento pubblico dal lato dell’offerta a quello della domanda, dalle istituzioni culturali ai cittadini.

Sorgente: “In amicorum numero”: Stato, cultura e paghette – LeoniBlog

Sharing economy, gli over 45 non sanno cosa sia  Arte e diamanti, in Italia si riscoprono i beni rifugio 
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *