Aggredire la povertà educativa con la cultura?