È utile valutare il "sentiment" dei musei pubblici?