Dimore Storiche: Un patrimonio culturale da difendere 

Dimore Storiche: Un patrimonio culturale da difendere 

Le Dimore Storiche sono un patrimonio da tutelare non solo per la loro valenza artistico-culturale ma anche perché sono fonte di extra ricavo per lo stato secondo quanto riportato dallo studio di Deloitte commissionato dalla sezione Toscana dell’Adsi presentato nel 2015. Tramite l’analisi di un campione ristretto di oltre 900 Dimore nella provincia di Firenze lo studio è riuscito a dimostrare che le Dimore Storiche generano occupazione, turismo, investimenti e attività sociali. Occupazione poiché 3 persone ogni 1000 occupate sono addette ad attività connesse alla gestione e manutenzione di tali proprietà. Investimenti poiché le Dimore toscane hanno garantito un gettito IMU di oltre 8 milioni di euro extra nel 2015. Turismo in quanto tali immobili hanno una capacità ricettizia del 6% del numero totale di strutture ricettive della provincia e lo studio condotto ha dimostrato che esiste una correlazione positiva tra numero di turisti che visitano una città e la presenza di Dimore Storiche nella suddetta e contribuiscono inoltre alle attività sociali che vengono ospitate al loro interno e rappresentano circa il 25% delle attività pubbliche di interesse sociali sul territorio di Firenze (mostre, corsi, concerti).

Sorgente: Dimore Storiche: Un patrimonio culturale da difendere – AIFO

Germania: 1,2 miliardi per le auto elettriche Art Supporter. Se prima di essere donor o sponsor bisogna comunicare una buona causa
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *