Franceschini scommette sui servizi aggiuntivi di musei e siti culturali. Si fondono le società Arcus e Ales

Franceschini scommette sui servizi aggiuntivi di musei e siti culturali. Si fondono le società Arcus e Ales

“Grazie a questa operazione vengono razionalizzate le società in house del Mibact per assicurare al meglio l’erogazione di servizi culturali, le attività di valorizzazione del patrimonio e le attività di fund raising”. Con queste parole, tratte dallo scarno comunicato del Ministero dei Beni Culturali, si sintetizza un nuovo – nodale – passaggio della riforma Franceschini: in altre parole il ministero si impegna, finalmente, dopo 25 anni dalla Legge Ronchey, a credere davvero nei servizi aggiuntivi che sono una parte del motivo per cui all’estero i musei “funzionano” meglio che in Italia. E lo fa con un primo passo burocratico, ovvero con l’annuncio di Ales, la società in house del Mibact, della fusione per incorporazione di Arcus Spa, in attuazione della legge di stabilità 2016.

Sorgente: Franceschini scommette sui servizi aggiuntivi di musei e siti culturali. Si fondono le società Arcus e Ales: e a dirigerle arriva il supermanager Mario De Simoni | Artribune

Nel registro delle startup innovative non ci sono startup innovative  Costo del lavoro, sorpresa Italia: calo record grazie alla decontribuzione 
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *