No all’Irap per il commercialista se amministratore, sindaco o revisore

No all’Irap per il commercialista se amministratore, sindaco o revisore

Non pagano l’Irap gli amministratori, i revisori e i sindaci di società per i compensi percepiti senza che si possa ravvisare l’autonoma organizzazione per il solo fatto di lavorare in “studio professionale”. In ogni caso l’imposta è dovuta dal commercialista solo in caso di capacità produttiva aggiuntiva rispetto a quella dell’attività intellettuale supportata dai beni strumentali tipici e comunque limitatamente all’eccedenza (surplus). Così la Cassazione, sesta sezione civile, n. 4246/16.

Sorgente: Il Sole 24 ORE

Uomini che amano le donne (e che le sostengono) Sul populismo economico non tramonta mai il sole 
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *