Pubblicato il primo Piano nazionale per l’Educazione al patrimonio culturale

Pubblicato il primo Piano nazionale per l’Educazione al patrimonio culturale da parte della Direzione Generale Educazione e Ricerca, d’intesa con il Consiglio superiore Beni culturali e paesaggistici.

La sua predisposizione si allinea con la riforma del MIBACT e con la legge 107 detta “Della Buona Scuola”, approvata nel luglio 2015.

Il Piano prevede importanti novità in merito al ruolo del patrimonio culturale nei processi formativi e culturali che coinvolgono tutti i cittadini.

Obiettivo a lungo termine è la creazione di un sistema di educazione al patrimonio in grado di coinvolgere una pluralità di soggetti, che si traduca in forme reali di coinvolgimento nella gestione e salvaguardia dei luoghi della cultura e nell’acquisizione di nuove e qualificate conoscenze, con reciproco beneficio per la società e il patrimonio stesso.

A breve e medio termine, saranno individuate azioni a supporto della costruzione di questo sistema: accordi interistituzionali a livello nazionale e locale, ricognizione della consistenza e della modalità di gestione dei Servizi Educativi presenti oggi nei luoghi della cultura, formazione e aggiornamento degli operatori, attività e iniziative volte a implementare i progetti realizzati in partenariato con la scuola, incluso lo sviluppo di programmi e iniziative di consolidata esperienza rivolte a differenti categorie di pubblici.

Il piano è scaricabile qui

Addio agli studi di settore. 802mila i professionisti coinvolti, 75mila euro il reddito medio dichiarato  Voluntary disclosure, il punto della situazione visto dal Ticino