Best of market 2015. L’arte in asta 

Best of market 2015. L’arte in asta 

Nel 2015 il mercato statunitense dell’arte ha generato il 30% del fatturato mondiale con solamente il 12% dei lotti sul totale presentato sul mercato, divenendo il luogo di scambio prediletto per le punte di diamante rivolte alla fascia di acquirenti di altissimo livello.Nel primo semestre il giro d’affari in asta ha toccato quota $ 7.6 miliardi, il 5% in meno rispetto al primo semestre 2014 ma, in questo quadro generale, le piazze occidentali hanno registrato un aumento del 9% e Londra è divenuta la seconda città per fatturato. Già nel 2014 infatti, il Regno Unito aveva segnato una crescita del 35% e nel primo semestre 2015 ha registrato un totale di $ 1.9 miliardi di vendite. Attualmente il gap tra Cina e Regno Unito è di soli $ 100 milioni, accorciando sempre più le distanze per il secondo posto sul podio mondiale.

Sorgente: Best of market 2015. L’arte in asta | Artribune

Arte e criminalità: il lato oscuro del "collezionismo" Regalo di Natale da 40 milioni di dollari per il MoMA. Il finanziere Kenneth Griffin dona al museo newyorkese quanto i musei italiani spendono in molti anni… 
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *