Pensioni: Italia prima nell’area Ocse per il peso dei contributi obbligatori

Con un’aliquota del 33%, l’Italia è il Paese con il più alto peso dei contributi pensionistici sul lavoro dipendente dell’intera area Ocse. A rilevarlo è la stessa Organizzazione di Parigi nel rapporto “Pensions at a glance” che fotografa i sistemi previdenziali nei vari Stati. Avvisando: contributi obbligatori elevati, «possono abbassare l’occupazione complessiva e aumentare il sommerso». 

La spesa previdenziale italiana resta fuori misura: nel 2013 è stata pari al 15,7% del Pil, quasi il doppio di quella degli altri Paesi, che si ferma all’8,4 per cento. Le riforme hanno sì migliorato la sostenibilità finanziaria del sistema, grazie all’aumento dell’età pensionabile e alla perequazione tra donne e uomini, ma l’invecchiamento della popolazione continuerà a esercitare pressione sul finanziamento. Per questo l’Ocse invita a ulteriori sforzi.

Sorgente: Il Sole 24 ORE

Istat, nuovi pensionati più poveri dei vecchi. Reddito medio inferiore di 3000 euro di chi è già in pensione Opportunità con il Bando "Startup in rete" 
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *