Lavoro, in Italia nelle buste paga «l'anzianità vale più del merito»

Lavoro, in Italia nelle buste paga «l'anzianità vale più del merito»

In Italia le retribuzioni sono legate in modo rigido all’età anagrafica, tanto che l’anzianità costituisce di per sé un premio per il lavoratore – nei contratti collettivi lo stipendio cresce con gli anni – senza tenere conto della effettiva necessità di potere d’acquisto di ciascuna fascia anagrafica. È la conclusione di una analisi realizzata da Umana in collaborazione con JobPricing su un campione di 140mila lavoratori assunti con forme di lavoro dipendente nei diversi settori: sotto la lente la Ral (retribuzione annuale lorda), escluse le parti variabili. La composizione del mercato del lavoro vede per la prima volta tre generazioni attive contemporaneamente: i baby boomers (nati fra il 1946 e il 1964, over 55); la Generazione X (fra il 1965 e il 1980, dai 35 ai 54 anni) e la Y (dal 1981 al 2000, quindi persone fra i 15 e i 34 anni). «Rispetto al passato – si legge nell’indagine – oggi si entra nel mercato del lavoro più tardi e si termina la carriera in età più avanzata. I momenti di inizio e fine carriera hanno subito uno slittamento in avanti di 10-15 anni».

Sorgente: Il Sole 24 ORE

Istat: nel 2014 il 72% degli italiani non è mai entrato in un museo  Fondazione Cariplo presenta la filantropia del 2016 
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *