Perché i robot non ci ruberanno il lavoro 

Perché i robot non ci ruberanno il lavoro 

Ancora molti gli ostacoli per lo sviluppo di un’intelligenza artificiale. Ma i robot vanno programmati e per questo creeranno nuovi posti di lavoro.

“Dobbiamo inventarci l’equivalente robotico dell’iPhone, qualcosa che piaccia e sulla quale tutti possano sviluppare”. Solo così, sostiene Carlo Alberto Avizzano, direttore del laboratorio di robotica percettiva della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa, i robot potranno avere una diffusione di massa. Diffusione che non si tradurrà però in una distruzione di posti di lavoro: “credo piuttosto che finiranno per crearne di nuovi”.

Sorgente: Perché i robot non ci ruberanno il lavoro – Wired

Mercato immobiliare, italiani pessimisti Digital Magics: il libro bianco per le startup. Proposte per un ecosistema dell’innovazione italiano
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *