L’Italia dopo la crisi: magra, astemia e senza fede