Le banche capiranno online se prestarci soldi o no

Le banche capiranno online se prestarci soldi o no

Le piattaforme di social lending quando devono decidere se immettere un prestito nel mercato, sono tenute ad assegnare un rating (punteggio) ad ogni utente e di conseguenza assegnare un mercato per ogni prestito. Il punteggio viene calcolato tenendo conto di diversi fattori: storia creditizia, reddito, situazione familiare, area geografica, età, ecc.

Per questo molte piattaforme di Social Lending (e tutte le banche) si appoggiano ai Credit Bureau come Crif o Experian che sono specializzati proprio nell’aggregare questo tipo di dati il cui risultato (insieme ad altri dati statistici) determina un punteggio e se il prestito verrà messo nel mercato e a quale tasso di interesse.

Ci sono però molti problemi con questi strumenti di scoring, ad esempio se la storia creditizia di una persona è molto limitata o inesistente, oppure se i dati delle carte di credito che utilizziamo sono monitorate da questo o da quel credit bureau, fatto sta che queste stime sono sempre meno attendibili.

viaLe banche capiranno online se prestarci soldi o no | Linkiesta.it.

Partite Iva, slitta al 6 luglio il pagamento delle imposte Addio contanti: in Estonia si fa tutto con l’identità digitale
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *