Cari startupper, non siete tutti Steve Jobs. Accettatelo qualche consiglio

Cari startupper, non siete tutti Steve Jobs. Accettatelo qualche consiglio

Steve Jobs pensava ad un telefono con un solo tasto quando nessuno pensava che i telefoni cellulari dovessero essere così ricchi di funzioni e così semplici nell’interfaccia, ma soprattutto Jobs aveva la passione per le interfacce software e per l’high-tech. Pensava l’high-tech indirizzato ai target di mercato più elevati e lo pensava già secondo le “leggi della semplicità” quando John Maeda non le aveva ancora pubblicate.

E’ stata la passione per il suo progetto a garantire che l’idea innovativa diventasse una realtà. Jobs sapeva come progettare un iPhone così come anni prima il suo socio sapeva progettare e realizzare un personal computer, i due Steve non erano andati all’Home Brew Computer Club a cercare qualcuno che avesse le competenze per realizzargli il prodotto, erano lì per presentarlo dal vivo il loro prodotto.

viaCari startupper, non siete tutti Steve Jobs. Accettatelo qualche consiglio.

Reddito minimo garantito: perché non possiamo più farne a meno Ricicla, riusa, rivendi: il boom degli oggetti rigenerati
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *