Tfr in busta paga, ecco perché non conviene

Per incassare il Trattamento di fine rapporto, Tfr, in busta paga bisognerà aspettare ancora un po’. Dal 1 marzo i dipendenti del settore privato con almeno 6 mesi di anzianità possono chiederlo al datore di lavoro sotto forma di Quir, Quota integrativa della retribuzione. Ma per vedere gli euro in più nel cedolino ci sono ancora diversi passaggi amministrativi da completare. Intanto, meglio farsi qualche conto in tasca.

viaTfr in busta paga, ecco perché non conviene | Linkiesta.it.

La crisi europea gira attorno all'Italia, non alla Grecia, dice il Wall Street Journal Cashless City, via al piano per tagliare il contante
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *