I commercialisti all'attacco contro le sanzioni sul Pos obbligatorio

I commercialisti all'attacco contro le sanzioni sul Pos obbligatorio

«Pur avendo riserve sul provvedimento – commenta il vicepresidente nazionale della categoria, Davide Di Russo – non facemmo a suo tempo le barricate contro l’introduzione dell’obbligatorietà del Pos negli studi professionali e oggi non siamo pregiudizialmente contrari, in linea di principio, alla previsione di talune sanzioni. Ciò che ci pare inaccettabile del disegno di legge in discussione al Senato, è l’ammontare abnorme delle sanzioni ipotizzate e l’idea di sospendere addirittura l’attività dei professionisti che non dovessero mettersi in regola. Più in generale, risulta grave il fatto che continui ad essere del tutto ignorato il tema dei costi per gli studi professionali legati proprio all’introduzione del Pos. Se proprio si vuol parlare di sanzioni – prosegue Di Russo – che lo si lo si faccia almeno solo dopo aver introdotto quel credito d’imposta che i commercialisti chiedono da tempo per alleggerire il peso economico di una operazione che ricade totalmente ed indiscriminatamente sugli studi dei professionisti italiani, a vantaggio del sistema bancario».

viaI commercialisti all’attacco contro le sanzioni sul Pos obbligatorio – Il Sole 24 ORE.

Made in Italy Speed MI Up, bando per la selezione di imprese e freelance/professionisti
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *