Il bollettino economico BCE

Il bollettino economico BCE

Il recente calo dei corsi petroliferi sostiene la ripresa dell’economia mondiale, che tuttavia rimane finora graduale e con andamenti difformi tra regioni. La crescita resta vigorosa negli Stati Uniti, sta perdendo slancio in Cina e non è ancora tornata a rafforzarsi in Giappone. Le condizioni economiche si sono ulteriormente deteriorate in Russia, ma gli effetti di propagazione agli altri mercati emergenti sono al momento limitati. L’interscambio mondiale evidenzia segnali di rafforzamento. Il calo dei prezzi dei beni energetici ha spinto al ribasso l’inflazione a livello mondiale.

Nei mercati finanziari dell’area dell’euro i tassi a breve termine del mercato monetario hanno registrato un’ulteriore flessione in un contesto di aumentata liquidità in eccesso, raggiungendo temporaneamente nuovi minimi storici. I tassi di interesse a lungo termine sono scesi su nuovi minimi storici, riflettendo la debolezza della crescita e la dinamica contenuta dell’inflazione, nonché le aspettative dei mercati sugli acquisti di debito sovrano da parte dell’Eurosistema. Al contempo i corsi dei titoli azionari dell’area dell’euro sono aumentati. Il tasso di cambio dell’euro si è deprezzato ulteriormente sia in termini effettivi nominali sia rispetto al dollaro statunitense. Nel complesso, gli indicatori economici e i risultati delle indagini più recenti rimangono coerenti con una moderata espansione dell’economia nell’area dell’euro sul breve periodo, mentre la recente caduta delle quotazioni petrolifere dovrebbe fornire un sostegno alla crescita nel lungo termine. Al tempo stesso i mercati del lavoro hanno evidenziato alcuni segnali ulteriori di miglioramento, ma la disoccupazione resta elevata e il grado di capacità produttiva inutilizzata dovrebbe diminuire solo gradualmente.

L’inflazione misurata sull’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IAPC) è diminuita notevolmente a dicembre nell’area dell’euro, portandosi a -0,2 per cento. Sulla base delle informazioni al momento disponibili, le prospettive a breve termine per l’inflazione rimangono deboli ed è probabile che il tasso sui dodici mesi calcolato sullo IAPC rimanga su livelli molto bassi o negativi nei prossimi mesi. L’inflazione dovrebbe aumentare gradualmente nel prosieguo del 2015 e nel 2016 per effetto delle misure di politica monetaria adottate dalla BCE, della ripresa in atto e dell’ipotesi di un aumento progressivo dei corsi petroliferi nel periodo a venire incorporata nelle quotazioni dei future.

(Per leggere il bollettino in versione pdf cliccate sull’immagine qui sotto)

image

Quando il marketing continua a significare truffa studioLombard per lamiafinanza.ch / Voluntary Disclosure, opportunità o minaccia?
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *