Mauro Croce: «Con la pubblicità cresce una nuova generazione di giocatori»