Per un’Irpef più equa

In un articolo su lavoce.info Paolo Liberati e Antonio Scialà sostengono che l’attuale progressività dell’Irpef non sarebbe più giustificata. La ragione è costituita dalla grande quantità di redditi evasi o erosi, cioè redditi che, lecitamente o meno, sono sottratti alla progressività dell’Irpef e che la ridurrebbero sostanzialmente a un’imposta di specie sui redditi da lavoro dipendente e pensione.

Pur essendo considerazioni condivisibili, è possibile, aggiungendone qualcun’altra, pervenire a una conclusione molto diversa, e cioè che è auspicabile e possibile mantenere, razionalizzandolo, il ruolo redistributivo dell’imposta personale progressiva.

viaPer un’Irpef più equa | Di Nicola e Paladini.

Pensioni, Tito Boeri propone l'uscita dal lavoro con assegni più leggeri. "Tutti avranno il calcolo di quanto riceveranno" La finanza ora si mangia il cibo italiano
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *