Pensioni, Tito Boeri propone l'uscita dal lavoro con assegni più leggeri. "Tutti avranno il calcolo di quanto riceveranno"

Pensioni, Tito Boeri propone l'uscita dal lavoro con assegni più leggeri. "Tutti avranno il calcolo di quanto riceveranno"

Boeri parla al Corriere della Sera delle priorità della sua azione. In primo luogo la “trasparenza. L’Inps soffre di una immagine esterna non buona, che non valorizza le sue qualità”. I servizi possono migliorare “con una forma organizzativa più efficiente. Ma lo faremo anche facendo partire finalmente l’operazione busta arancione. Una definizione in realtà superata perché la lettera col conto contributivo e la stima della pensione la manderemo solo ai lavoratori senza una connessione Internet. Per gli altri, ci sarà un pin col quale accedere attraverso il sito Inps al proprio conto e simulare la pensione futura, secondo diversi scenari di carriera e di crescita dell’economia”.

Questa possibilità sarà data a tutti i lavoratori dipendenti privati già nel 2015, mentre “per quelli pubblici ci vuole più tempo perché è più difficile ricostruire i versamenti. Nel 2016 dovrebbe essere possibile anche per i parasubordinati”. E a chi ha mostrato timore per le reazioni sociali derivanti dalla trasparenza sulle future pensioni, Boeri risponde definendo “necessario” che “i lavoratori siano consapevoli della loro situazione contributiva e di quali saranno presumibilmente le loro pensioni così da poter pianificare il futuro. Le banche dati sono un bene pubblico”.

viaPensioni, Tito Boeri propone l’uscita dal lavoro con assegni più leggeri. “Tutti avranno il calcolo di quanto riceveranno”.

Strade - Perché difendo il notariato, un po' meno i notai Per un'Irpef più equa
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *