La vita agra(tis)

La vita agra(tis)

Il lavoro non è finito. È diventato infinitamente più povero. Si sopravvive con l’odiosa sensazione di essere al lavoro per altri, raramente per sé, mentre il reddito è inconsistente e aleatorio. La vita è messa al lavoro: gratuitamente. C’è tuttavia un aspetto che passa inosservato: anche quando si è inoccupati o disoccupati, oggi si produce ricchezza.

È la condizione del quinto stato al centro del progetto di racconti del Lavoro Invisibile. Per invisibile qui s’intende “impercepibile per la legge” e “indecifrabile ai codici del mercato”. Questo lavoro che ha distrutto i vecchi perimetri, colonizzando la vita, è “invisibile” perché mette in discussione con una radicalità mai vista l’antica partizione tra diritto pubblico (sul quale è concepito il lavoro subordinato) e il diritto privato (sul quale è concepito il lavoro autonomo).

viaLa vita agra(tis) – il lavoro culturale.

Tfr in busta paga, pochi pro e molti contro La Generazione mille euro di oggi rischia una pensione dimezzata domani
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *