Per ridurre la disoccupazione non basta la ripresa

L’analisi dei dati trimestrali su disoccupazione e Pil porta a due conclusioni. La prima è che, in assenza di ripresa dei fatturati, la disoccupazione è destinata a rimanere elevata. La seconda – meno ovvia – è che se alla ripresa dei fatturati non si accompagneranno misure che riducano la disoccupazione e aumentino la crescita strutturale (ad esempio politiche del lavoro che rendano più conveniente creare posti di lavoro in Italia e altre riforme – come quella del fisco, della pubblica amministrazione e della giustizia civile – che scoraggino l’incentivo a delocalizzare), la società italiana sarà destinata a convivere con elevati tassi di disoccupazione per un lungo periodo di tempo.

La ripresa ci vuole, ma non basta se manca un ambiente che favorisca la creazione di veri posti di lavoro.

viaPer ridurre la disoccupazione non basta la ripresa.

Azzardo d'America: a New Yok la nuova industria del "gioco" è già in crisi Vandana Shiva: Accordo di libero scambio con gli USA: di libero non c'è nulla
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *