Ancora una volta sui diritti

I diritti non invadono la democrazia, ma impongono di riflettere su come debba essere esercitata la discrezionalità politica: proprio in tempi di risorse scarse, i criteri per la loro distribuzione debbono essere fondati sull’obbligo di renderne possibile l’attuazione. E, se è giusto rimettere al centro i diritti individuali per reagire alla spersonalizzazione della società, è altrettanto vero che questi diritti possono dispiegarsi solo in un contesto socialmente propizio e politicamente costruito. Qui trovano posto le riflessioni su un tempo in cui il problema concreto non è la dismisura dei diritti, ma la loro negazione quotidiana determinata dalle diseguaglianze, dalla povertà, dalle discriminazioni, dal rifiuto dell’altro che, negando la dignità stessa della persona, contraddicono quella “politica dell’umanità” alla quale è legata la vicenda dei diritti.

viaKataweb.it – Blog – Lipperatura di Loredana Lipperini » Blog Archive » ANCORA UNA VOLTA SUI DIRITTI.

LinkedIn sviluppa il primo grafo economico. Scopri la mappa delle professioni L’e-commerce via smartphone vola e punta a 10 miliardi
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *