Sull’avventura di “PIANISSIMO”