Chi fa cultura non paga l’Imu. E nemmeno la Tasi

Il Ministero chiarisce che non tutte le onlus hanno i requisiti soggettivi per fruire dell’esenzione Imu e Tasi. L’inquadramento nella categoria delle organizzazioni di utilità sociale prescinde dall’indagine sull’oggetto esclusivo o principale dell’attività esercitata dall’ente o sulla sua natura non commerciale. Spetta, infatti, ai Comuni deliberare eventuali agevolazioni per le onlus, qualora non abbiano i requisiti soggettivi e oggettivi per avere diritto all’esenzione dal pagamento dell’Imu e della Tasi o da altri tributi comunali.

viaChi fa cultura non paga l’Imu. E nemmeno la Tasi | Artribune.

Basteranno mille asili in mille giorni? L'Italia in crisi nel Rapporto Coop 2014: non lavora, non vota, non compra
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *