Modelli F24: nuove regole dall'1.10.2014

A partire da mercoledi 1° ottobre 2014, le persone fisiche non titolari di partita Iva, non potranno più andare fisicamente in banca o in posta per effettuare il pagamento dei modelli F24 con importo superiore a 1.000 euro o con quelli che utilizzano crediti in compensazione.

Secondo quanto indicato dal decreto Legge 66/2014 (il c.d. decreto <bonus Irpef>), all’articolo 11, comma 2 in questi casi si potrà effettuare il pagamento solo in via telematica, e cioè:

  1. attraverso i servizi on-line messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate (F24 web, F24 online) compilando e trasmettendo direttamente il modello di versamento F24, non essendo necessario avvalersi di un intermediario abilitato
  2. attraverso i servizi home o remote banking, escluso il caso in cui, per effetto delle compensazioni, il saldo finale del modello F24 risulti essere di importo pari a zero. In tale ipotesi, infatti, si potranno usare solo i servizi telematici delle Entrate (F24 web, F24 online e F24 cumulativo).
  3. rivolgendosi ad un intermediario abilitato ai servizi Entratel (F24 cumulativo) che potrà effettuare i versamenti delle imposte dovute dai loro clienti, con addebito diretto sui conti correnti di questi ultimi.

Riepilogando quanto previsto per le persone fisiche, quindi:

TITOLARI DI PARTITA IVA

NON TITOLARI DI PARTITA IVA

MODELLO CARTACEO: modello pagabile in banca, in posta o presso Equitalia, in contanti, con assegni bancari, postali o circolari, con vaglia cambiari o postali, con carta di Pagobancomat o Postamat

No, i titolari di partita Iva non possono mai usare il modello F24 cartaceo

, il modello cartaceo è possibile solo se il saldo finale, senza alcuna compensazione, ha un importo pari o inferiore a 1.000 euro

BANKING: Servizi telematici di home banking di banche e poste o i servizi di remote banking (Cbi) offerti dal sistema bancario, con addebito nel conto corrente

, solo se non vi sono compensazioni di crediti per importi superiori a 5.000 euro

, solo se il saldo finale, anche grazie alle compensazioni, è positivo (cioè a debito)

F24: servizi telematici delle Entrate (F24 web, F24 online o F24 cumulativo di Fisconline o Entratel), con addebito nel conto corrente

, sempre possibile

, sempre possibile

 

Credito d'imposta per l'acquisto di beni strumentali Fisco e casa: le istruzioni dell'Agenzia delle Entrate
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *