Non con i nostri soldi

Uno dei pilastri del neoliberismo è il prezzo come punto di incontro tra domanda e offerta e come riflesso di tutte le informazioni su un dato bene o servizio. Una visione meccanicistica e riduttiva alla base della mercificazione di qualsivoglia attività. Un dogma che esclude l’esistenza di esseri umani, o meglio li intende unicamente come homo oeconomicus, un essere astratto perfettamente razionale ed egoista, che pensa unicamente alla massimizzazione del proprio risultato economico.

La finanza etica smonta tale visione e supera nei fatti l’impianto neoliberista. Il valore torna a essere inteso nel suo senso più ampio, non come prezzo ma come insieme delle ricadute sociali e ambientali, dei benefici e degli impatti per l’insieme della società. Il valore economico è uno tra i molti parametri da prendere in considerazione. Nell’attuale fase di dominio della finanza intesa come un fine in sé stesso, viene restituita dignità alle attività economiche e il denaro diventa un mezzo per il raggiungimento di obiettivi di benessere delle comunità.

viaNon con i nostri soldi : minima&moralia.

Italia a banda larga: dove, come e quando Col cavolo che Orwell aveva torto! Il “New York Times” sbugiarda Amazon
Join Discussion

0 Comments

  • fausto 22 agosto 2014 at 10:25

    “…un essere astratto perfettamente razionale ed egoista…”

    Razionale forse poco, certamente egoista. Ce ne rendiamo conto ad ogni scoppio di bolla speculativa.

Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *