Qualche aggiornamento: entrate news, la newsletter dell'Agenzia delle Entrate (2 Aprile 2014)

DATI CATASTALI E IPOTECARI: CONSULTAZIONE PERSONALE

Le banche dati catastali e ipotecarie sono ora consultabili gratuitamente online: i contribuenti possono accedere alle informazioni sui propri immobili tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate. Attraverso i canali Entratel e Fisconline, i contribuenti (persone fisiche) abilitati possono consultare la visura catastale (per soggetto e per immobile), la mappa con la particella terreni, la planimetria del fabbricato, la visura ipotecaria. La procedura, introdotta dal provvedimento del direttore dell’Agenzia del 4 marzo 2014, è attiva per gli immobili presenti su tutto il territorio nazionale dei quali si risulta titolari, anche in parte, del diritto di proprietà o di altri diritti reali di godimento; fanno eccezione le Province autonome di Trento e Bolzano e, per le visure ipotecarie, le zone dove vige il sistema tavolare. Lo stesso servizio è attivo anche presso gli sportelli catastali decentrati, in questo caso non solo per le persone fisiche.

MODELLO 730: PRONTA LA VERSIONE “EDITABILE”

E’ disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate il modello di dichiarazione 730/2014, che permette ai lavoratori dipendenti o pensionati di compilare direttamente dal proprio pc la dichiarazione dei redditi relativi al 2013, per poi presentarla a sostituti d’imposta, Caf o professionisti abilitati. Per visualizzare, compilare e stampare il modello è sufficiente disporre di un programma già utilizzato per la lettura e la stampa di documenti in formato pdf. Il modello “editabile” non prevede nessun tipo di controllo sui dati e sulle notizie inserite ed è quindi il contribuente a dover verificare con attenzione le informazioni. Il 730 va presentato entro il 30 aprile al sostituto d’imposta; si può aspettare, invece, fino al 31 maggio (termine ordinario) nel caso ci si rivolga a un Caf o a un professionista abilitato.

CINQUE PER MILLE: AL VIA LE ISCRIZIONI

Dal 21 marzo gli enti di volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche possono presentare la domanda di iscrizione agli elenchi del cinque per mille attraverso i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate, Entratel e Fisconline. Le date e gli adempimenti per l’ammissione alla ripartizione delle somme del cinque per mille sono indicati nella circolare n.7/E del 20 marzo 2014, che spiega, inoltre, come correggere eventuali errori e regolarizzare le domande. L’iscrizione va presentata esclusivamente per via telematica entro il 7 maggio, anche da parte degli enti che si erano iscritti negli anni scorsi. Entro il 14 maggio saranno pubblicati sul sito gli elenchi provvisori, distinti per tipologia, insieme a quello degli enti della ricerca scientifica e dell’università e quello degli enti della ricerca sanitaria. A questo punto, gli enti di volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche avranno tempo fino al 20 maggio per chiedere la correzione degli eventuali errori di iscrizione. Una volta corretti gli errori, l’Agenzia pubblicherà, entro il 26 maggio, la versione aggiornata dei loro elenchi.

RIMBORSI ALLE IMPRESE: COMUNICARE L’IBAN VIA PEC

Per accelerare l’erogazione dei rimborsi alle imprese, l’Agenzia delle Entrate sta richiedendo alle società beneficiarie di comunicare il proprio Iban per poter accreditare le somme direttamente sul conto corrente bancario dell’azienda. I destinatari riceveranno la richiesta delle coordinate via Posta elettronica certificata (Pec) all’indirizzo della società presente nel registro delle imprese. Due le strade per trasmettere il codice Iban all’Agenzia: tramite i servizi online del sito internet, accedendo all’area riservata agli utenti registrati; oppure presso qualsiasi ufficio dell’Agenzia, presentando il modello per la richiesta di accredito disponibile presso gli sportelli o sul sito delle Entrate. In questo modo, il rimborso arriverà direttamente sul conto corrente della società in maniera veloce e sicura.

LITI FISCALI MINORI: IL 57% FINISCE CON UN ACCORDO

Più della metà dei contribuenti evita il ricorso davanti al giudice e risolve la lite con la mediazione: le controversie fiscali “minori” finiscono con un accordo nel 57% dei casi. L’efficacia della mediazione si evidenzia anche in termini di rapidità dell’azione amministrativa, con il 97% delle richieste chiuse entro 90 giorni. Il calo del contenzioso si registra soprattutto per le liti di valore inferiore ai 20mila euro, ossia quelle interessate dall’istituto della mediazione, con una diminuzione del 25% nei primi nove mesi del 2013 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Restano stabili, invece, i ricorsi per le liti di importo superiore. Per quanto riguarda i ricorsi presentati in commissione tributaria (meno di 100mila nel 2013), si evidenzia un calo del 39% in due anni; cresce, invece, il numero delle controversie vinte dall’Amministrazione finanziaria, che ha ragione in circa il 65% dei casi, e migliora l’indice di vittoria per valore, pari al 75% contro il 70% nel 2012. Sempre nel 2013, aumenta il numero delle conciliazioni tra Agenzia e contribuenti e salgono anche gli importi conciliati.

ISCRIZIONE ALL’ARCHIVIO VIES: DOMANDE ONLINE

E’ attivo il nuovo servizio che consente ai soggetti già titolari di partita Iva, abilitati a Fisconline o Entratel, di richiedere direttamente in via telematica la propria iscrizione nell’archivio Vies (Vat information exchange system) degli operatori autorizzati a compiere operazioni intracomunitarie. Se fino a poco fa era necessario presentare l’apposita istanza – a mano, con raccomandata o via Posta elettronica certificata – all’ufficio, ora si apre anche un canale online. E’ sufficiente collegarsi al sito internet dell’Agenzia, abilitarsi ai servizi telematici e indicare nel campo dedicato la propria partita Iva, “candidata” a entrare nell’elenco Vies. Entro 30 giorni dal ricevimento della richiesta, l’Agenzia, dopo aver verificato la posizione fiscale e l’assenza di elementi di rischio evasione o frode, iscrive il “candidato” nell’archivio; in caso contrario, emette un provvedimento motivato di diniego.

RATEAZIONE PIÙ FLESSIBILE PER LE CARTELLE DI PAGAMENTO

La regola secondo cui la rateazione delle somme iscritte a ruolo decade dopo il mancato pagamento di otto rate si applica anche ai piani di rateazione già in corso alla data del 22 giugno 2013, cioè dall’entrata in vigore del Decreto del Fare (Dl n.69/2013). Lo conferma la risoluzione n. 32/E del 19 marzo 2014, con cui l’Agenzia ha definito l’estensione dei benefici introdotti dal decreto di attuazione del 6 novembre scorso in materia di durata del piano di rateazione. La dilazione prevista dal Decreto del Fare consente, anche ai piani di pagamento in corso, l’ampliamento del numero di rate – da 72 a 120 – su richiesta del contribuente. Allo stesso modo il beneficio della rateazione si perde, anche per i piani di rateazione già attivati prima dell’entrata in vigore del Decreto Fare, solo in caso di mancato versamento di otto rate, anche non consecutive.

CONCORSI: L’AGENZIA ASSUME 140 FUNZIONARI TECNICI

L’Agenzia ha avviato una selezione pubblica per l’assunzione a tempo indeterminato di 140 funzionari tecnici da destinare alle attività relative ai servizi catastali, cartografici, estimativi e dell’Osservatorio del mercato immobiliare. Tra i requisiti per l’ammissione al concorso, il diploma di laurea in ingegneria o architettura e l’iscrizione alla sezione A dell’Albo degli ingegneri o degli architetti. La procedura di selezione prevede una prova attitudinale, una tecnico-professionale e un tirocinio teorico-pratico integrato da una prova finale orale. La domanda di partecipazione va presentata esclusivamente online entro il 28 aprile 2014, attraverso un’applicazione messa a disposizione sul sito dell’Agenzia. Una volta completata la procedura, i candidati riceveranno via e-mail la notifica di avvenuta presentazione della domanda di partecipazione.

PROMEMORIA – LE PROSSIME SCADENZE

10 aprile: 
Spesometro: comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini Iva

16 aprile
: Ravvedimento

Scadenziario completo di Aprile

 

Qualche altra novità: entrate news, la newsletter dell’Agenzia delle Entrate (17 Aprile 2014)
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *